Aller au contenu Aller au menu principal Aller à la recherche

Le piante: fra tradizione e scienza

Les plantes : entre tradition et science

L'uomo è sempre stato interessato alle piante che sono state una fonte di cibo (piante commestibili) ma anche un mezzo per curare le malattie (piante medicinali). La fitoterapia (o la medicina delle piante) è vecchia quanto il mondo. La storia della fitoterapia può essere suddivisa in tre fasi principali, ciascuna con un diverso livello di utilizzo della pianta medicinale.

Fino al 18° secolo, l'uso della pianta medicinale a livello tradizionale

Le piante sono state il primo e principale strumento terapeutico a disposizione degli esseri umani per molti secoli. Da sempre, i nostri lontani antenati hanno cercato nelle piante il rimedio per la loro sofferenza. In molte civiltà ed in tutti i continenti, le farmacopee vegetali si sono sviluppate e sono state arricchite dall'empirismo (conoscenza derivata dall'esperienza). Con un impareggiabile dono di osservazione, gli antichi sono stati in grado di mettere in evidenza le proprietà delle piante medicinali che non sono mai state negate dall'uso. Le opere di Dioscoride e Hildegarde von Bingen sono, tra le altre cose, famose nella creazione di questi rimedi tradizionali trasmessi da un secolo all'altro.

Ma questo livello di approccio tradizionale aveva limiti che erano quelli della conoscenza scientifica, medica e farmacologica.

Durante il XIX secolo, l'uso della pianta medicinale a livello farmacologico

Nel corso dei secoli, il progresso delle conoscenze scientifiche e mediche e l'evoluzione delle tecnologie hanno provocato un allontanamento da questi "rimedi tradizionali", e hanno invece portato all'utilizzo della pianta medicinale in un ambiente strettamente farmacologico.

Attraverso dimostrazioni sperimentali è stata apportata la dimostrazione dell'attività di alcuni costituenti della pianta (i principi attivi) e sono state studiate le forme galeniche (forme di somministrazione) più adatte ad una migliore efficienza. Il vantaggio di questo approccio è che consente l'utilizzo della pianta medicinale secondo precisi criteri farmacologici, consentendo di lasciare l'empirismo e le imprecisioni dell'approccio tradizionale.

Tuttavia, questo quadro strettamente farmacologico nell'uso della pianta medicinale ha anche i suoi limiti che sono quelli relativi alla specificità della pianta stessa: problemi legati alla molteplicità ed alla complessità dei costituenti della pianta, la difficoltà di standardizzazione del prodotto a base vegetale (quantità variabile dei costituenti della pianta in base al periodo di raccolta, l'origine geografica, ...) rendendo difficile il suo studio farmacologico e che portando all'ottenimento di risultati sperimentali paradossali.

Queste difficoltà, così come la ricerca di un aumento e / o una riproducibilità di un potere d'azione, hanno portato gradualmente all'abbandono della pianta medicinale a favore del principio attivo isolato.

plante médicinale et traditionnelle

Così il diciannovesimo secolo è il momento dell'isolamento di tutta una serie di principi attivi all'origine di nuovi farmaci che hanno innegabilmente contribuito a migliorare la speranza e la qualità della vita: la morfina è stata isolata dal papavero nel1817, la codeina nel 1832, la chinina (antimalarica) nel 1820, l'acido salicilico dalla corteccia di salice nel 1838 e la digitalina (cardiotonica) dalla digitale nel 1869, .... Volendo modellare la droga in modo sempre più efficace, l'uso della pianta medicinale nella sua interezza sta gradualmente cadendo in disuso.

Dal 20° secolo, l'uso della pianta medicinale a livello clinico

Questo terzo livello di studio ed uso della pianta medicinale prende tutti i dati da una stretta conoscenza farmacologica, ma li reintegra in una fisiologia vivente con le sue nozioni fondamentali di dinamica, interrelazione e globalità. Di conseguenza, l'approccio clinico può confermare alcune proprietà che sono tradizionalmente derivate ma non trovate dallo stretto studio farmacologico.

Questo approccio, che integra lo studio della pianta medicinale in una fisiologia vivente, ci rimanda, oltre al solo principio attivo, all'interesse di utilizzare il totum della pianta, alle nozioni di sinergia e potenziamento delle diverse componenti della pianta e ci invita al contrario ad un uso della pianta medicinale nella sua interezza.

Le attuali conoscenze scientifiche e la recente introduzione di tecnologie "omiche" che generano enormi quantità di dati a più livelli biologici e rappresentano quindi un potente strumento per comprendere come funziona la pianta nella sua interezza, fornendoci prove di questa ricchezza ineguagliabile del totum e della rilevanza del suo uso.

Les plantes utilisées au niveau clinique

L'utilizzo del totum della pianta, con le nozioni di sinergia e potenziamento, consente di utilizzare dosi più basse, rispetto al suo principio attivo isolato per lo stesso livello di attività, evitando così gli effetti collaterali specifici di alte dosi (nozioni di sinergia di azione e biodisponibilità).

In queste condizioni, il totum è uno strumento di qualità per fornire una risposta di scelta ad un'organizzazione per correggere le sue disfunzioni, per mantenere il proprio equilibrio e rimanere in salute.

Dr Karine Ancolio Morcq


Fonte : Carillon A. Place de la phytothérapie dans les systèmes de santé au XXI° s. – Conférence SIPAM –Djerba Mars 2009.