Aller au contenu Aller au menu principal Aller à la recherche

La pianta del mese di Giugno: la Serenoa repens

Si tratta di una palma nana le cui bacche venivano usate dagli Indiani d'America nel XVII secolo per alleviare disturbi genitourinari, per l'atrofia testicolare, per il trattamento dell disfunzione erettile e come afrodisiaco. La medicina popolare occidentale la consigliava per incrementare il vigore sessuale e le dimensioni del seno, per l'emicrania e per stimolare la crescita dei capelli.

 Consulta l'articolo di Lifegate sulla Serenoa repens.

La pianta

Nome latino: Serenoa repens
Famiglia: Arecaceae
Provenienza: Mediterraneo e America centrale
Parte utilizzata: Il frutto

Le sue proprietá

La ricerca medica nel campo dell'andrologia mondiale ha dato molto spazio alla Serenoa. Le evidenze scientifiche più solide però riguardano l'uso del suo frutto come adiuvante nel trattamento dell'ipertrofia prostatica benigna (IPB) che consiste in un aumento naturale e progressivo del volume della prostata che preme contro l'uretra causando difficoltà ad urinare, diminuzione del flusso urinario e minzioni notturne. Questa patologia è dovuta ad un accumulo di testosterone che la 5-alfa-reduttasi trasforma in diidrotestosterone (DHT) a causa della moltiplicazione delle cellule della prostata e dell'ipertrofia. Le bacche di Serenoa repens inibiscono la 5-alfa-reduttasi, riducendo così lo sviluppo delle cellule prostatiche ed il volume della prostata. Inoltre, ha un effetto diretto sull'alopecia androgena (perdita di capelli).

serenoa repens

 

 

Lo sapevate?

Grazie alle sue proprietà l'uso di questa pianta comincia a diffondersi ampiamente agli inizi del XX secolo, sino a fare diventare la Serenoa, nel 1990, una tra le dieci pianta più vendute negli Stati Uniti.